Gazprom: due battaglie vinte e la manfrina con Eni

Ho appena commentato un articolo di Filippo Zuliani su iMille . Ritengo il commento abbia dignità autonoma, eccolo:

Credo che negli ultimi anni la Russia abbia messo a segno due colpi importanti nella propria strategia sul mercato del gas: 1) dopo anni di battaglia al Nabucco, ormai ne ha affossato il potenziale di disturbo nel proprio monopolio di fornitura gas all’Europa da est; 2) con il Northstream perfettamente funzionante, ha aumentato il proprio potere sull’Ucraina, la quale prima poteva “negoziare” le politiche di prezzo del gas con la minaccia (a volte anche realizzata) di “trattenere” una parte destinata all’Europa ed in transito obbligato dal suo territorio. E lo vediamo in questi giorni quanto il partito filoeuropeista in Ucraina debba abbassare la testa rispetto alla fazione filorussa.

Che il mercato spot dell’Europa diventi un mercato di distributori è un’immagine forse un po’ forzata, che però Filippo usa bene per dipingere bene il concetto di mantenuto potere contrattuale della Russia. In Europa il gas ha anche altre provenienze, soprattutto per chi ha rigassificatori; ma è chiaro che, se un fornitore è molto forte, può ad esempio resistere più efficacemente alla riduzione d’importanza che i suoi contratti take or pay stanno subendo.

A proposito di take or pay e rigassificatori, passo all’Italia con una provocazione: forse bisognerebbe considerare che eni e gazprom sono sempre stati tutt’altro che in disaccordo (mi viene in mente la storiella che al mio paese si raccontava sui nostri vicini di campanile, che secondo i nostri nonni  di giorno si facevan vedere a litigare e di notte andavano a rubare assieme…): Eni in Italia doveva calare progressivamente la sua % sul totale di gas immessa nelle reti di trasporto, ECCETTO le quantità provenienti da fornitura take or pay. E quell’eccetto spiega tutto. Si badi bene che, fino a quando l’EU non ha fatto saltare l’accordo, Gazprom praticava ad Eni alcune condizioni di favore, purchè Eni non rivendesse all’estero. Gazprom in cambio non poteva venire a vendere direttamente in Italia. Ma non solo: tutto il Transitgas svizzero (da passo gries fino in germania) e tutto il TAG austriaco (da Tarvisio a Baumgarten) erano di società con capitale in paradisi fiscali, ma alla fine della scatola cinese controllate 99% da eni. Qualche considerazione sui bilanci di fornitura nazionale, credo non del tutto superata, l’avevo fatta ai tempi del gelo di fine inverno 2012, su http://www.b2corporate.com/grande-gelo-vs-stoccaggi-giorni-contati.

per concludere: la Russia finora un pericolo ce l’ha avuto, che è quello del monopsonio (cioè dover per forza vendere il suo gas ad ovest). Ma cosa ci succederà se anche il Cliente orientale diventerà consistente e per la Russia sarà indifferente girarsi da una parte o dall’altra?

Disclaimer: sotto potreste trovare pubblicità, a mia insaputa. L’ho fatto presente a wordpress, i quali mi hanno risposto che se mi va bene è così, sennò posso cercarmi un’altra piattaforma per blogger o aprirmi un sito. Buona idea, vedremo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in eni, fonti primarie, gas naturale, gazprom, mercato del gas, reti, sistema energetico nazionale. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Gazprom: due battaglie vinte e la manfrina con Eni

  1. Pingback: Due battaglie e una manfrina | Energia & Motori

  2. fausto ha detto:

    Per i banner: pazienza, non è la morte. C’è stata un’epoca in cui prendevamo più sul serio i siti con la pubblicità, parevano più professionali!

    Per il gas: santi numi. Il nostro Eni è come gatto Silvestro, quando credi di averlo fatto secco te lo ritrovi alle spalle che ti graffia. Tanto meglio, ma questo non mi pare che risolva i problemi immediati di noi italiani. La nostra bolletta resterà abbastanza alta, e forse sarebbe il caso di cominciare a rifletterci.

lascia la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...